,

Trattamenti cellulite: agire sui setti fibrosi

La recisione controllata dei setti fibrosi è un metodo efficace e innovativo per il trattamento a lungo termine della cellulite. Come può essere realizzato?

La cellulite è un inestetismo molto frequente, che colpisce prevalentemente le donne. Si stima, infatti, che essa interessi una percentuale compresa tra l’85% ed il 98% delle donne in età post-puberale. La sua comparsa non è strettamente legata al peso corporeo. Sovrappeso e alimentazione scorretta sono senza dubbio tra i fattori che ne favoriscono la comparsa, ma anche l’epidermide delle persone magre può assumere il classico aspetto “a buccia d’arancia”.

Le cause sono da ricercarsi per prima cosa nella genetica e negli ormoni. Gli estrogeni, ormoni sessuali femminili, sono quelli maggiormente implicati, ed è questo uno dei motivi per i quali le donne sono maggiormente colpite. Gli estrogeni favoriscono infatti la ritenzione idrica, una condizione che predispone alla comparsa della cellulite, e che può essere sostenuta anche dal cattivo funzionamento del sistema circolatorio venoso e linfatico. Se tali apparati non drenano in maniera efficace, il risultato è un ristagno del liquido presente tra le cellule.

L’inestetismo si manifesta a livello dell’epidermide con una perdita di compattezza del tessuto, che appare non più liscio, ma con noduli, avvallamenti e protuberanze, aspetto che viene definito “a buccia d’arancia” o “a materasso”. I rigonfiamenti del tessuto sono dovuti ad un accumulo di grasso localizzato. In presenza delle cause appena descritte, gli adipociti del derma vanno incontro ad ipertrofia, ovvero si gonfiano fino a scoppiare, rilasciando così i trigliceridi negli spazi tra le cellule.

Il tessuto adiposo è delimitato da tralci di tessuto connettivo denominati setti fibrosi, che tendono ad ispessirsi con il progredire della cellulite. I setti fibrosi sono disposti in modo diverso nella donna e nell’uomo. In quest’ultimo sono angolati di 45 gradi rispetto alla superficie, mentre nella donna sono disposti verticalmente, ed è questo il motivo principale per il quale la “buccia d’arancia” è più evidente nelle donne.

Essendo disposti in verticale dalla superficie alla profondità del tessuto, le fibre dei setti fibrosi tendono a “tirare” il tessuto verso il basso, mentre il grasso accumulato tra un compartimento e l’altro tende ad essere spinto verso l’alto, provocando i classici avvallamenti e protuberanze che caratterizzano la cellulite.

Trattamento innovativo per la cellulite: recisione guidata dei setti fibrosi

Tra i trattamenti più innovativi e promettenti per il miglioramento a lungo termine degli inestetismi della cellulite ci sono quelli che prevedono di agire proprio sui setti fibrosi, andando a diminuirne lo spessore o a reciderli in modo controllato.

La recisione guidata dei setti fibrosi permette di ottenere il rilascio del tessuto accumulato nello spazio tra le fibre, e di conseguenza la pelle tornerà ad essere liscia, compatta ed omogenea. Sulla base di questo principio Merz ha sviluppato Cellfina®, medical device approvato dall’FDA (l’Ente Governativo Americano per la regolamentazione dei Farmaci e degli Alimenti) per il miglioramento a lungo termine dell’aspetto estetico della cellulite su cosce e glutei.

Quanto “a lungo termine”? Il 93% delle pazienti trattate è ancora soddisfatta del risultato a tre anni dal trattamento, che prevede in genere una sola seduta.

Trattamento Cellfina®: come funziona

Cellfina® rientra tra i trattamenti di medicina estetica non invasivi, eseguibili a livello ambulatoriale ed in anestesia locale. Il trattamento può essere eseguito solo in centri medici autorizzati Cellfina®, quindi da medici adeguatamente e specificamente formati nella metodica.

Cellfina® funziona mediante la tecnica della subcision® guidata. Il protocollo di trattamento prevede l’utilizzo di una pompa che crea un “vuoto” e aspira i tessuti, mettendo i setti fibrosi in tensione. Questo permette di lavorare ad una profondità precisa e stabilita, e di trattare così le aree dove effettivamente sono presenti le retrazioni della pelle, senza intaccare il tessuto sano.

La recisione dei setti avviene con l’ausilio di un apposito manipolo dotato di una sottilissima micro-lama, talmente sottile che dopo la seduta sono visibili solo dei piccolissimi forellini, paragonabili a quelli di una puntura.

La seduta è indolore perché il trattamento non è invasivo e viene comunque iniettato inizialmente un anestetico locale, e dopo aver applicato un leggero bendaggio si possono tornare a svolgere le normali attività.

Il trattamento vero e proprio è preceduto sempre da una visita accurata del medico estetico, durante la quale vengono acquisiti i dati clinici e anamnestici necessari a valutare se la paziente sia adatta o meno al trattamento. Se si decide di procedere, vengono marcate con un pennarello le zone da trattate.

Ottimizzare e mantenere i risultati: attenzione a dieta e stile di vita

Il trattamento Cellfina® garantisce risultati visibili fino a tre anni, ma è altrettanto importante prestare attenzione alla dieta ed allo stile di vita. Alimentazione scorretta e sedentarietà sono infatti i due fattori che più favoriscono la comparsa della cellulite.

Bere una quantità sufficiente di acqua, limitare i cibi ricchi di sale, favorire il consumo di cibi ricchi di vitamine, sali minerali ed antiossidanti, sono tra le regole principali per prevenire e contrastare la cellulite. La dieta dovrebbe prevedere pochi zuccheri raffinati e grassi saturi, e al contempo più cibi integrali, proteine derivanti da legumi, carni magre e pesce ricco di omega 3, frutta fresca e frutta secca, olio extravergine di oliva, ortaggi di stagione.

Lo stile di vita deve essere necessariamente attivo, e non sedentario: muoversi il più possibile a piedi o in bicicletta, praticare sport che stimolano la circolazione sanguigna come jogging, nuoto, acquagym, aerobica.