,

Trattamenti anticellulite in medicina estetica

La medicina estetica ha sviluppato negli anni trattamenti sempre più efficaci per contrastare gli inestetismi che caratterizzano la cellulite.
La cellulite è un inestetismo della pelle tipico del sesso femminile: si stima che interessi tra l’85% e il 98% delle donne. Queste percentuali hanno indubbiamente spinto la medicina estetica a sviluppare trattamenti sempre più mirati, più efficaci, e meno invasivi.

Attualmente sono diversi i trattamenti anticellulite che la medicina estetica ha a disposizione: radiofrequenza, ultrasuoni e idrossiapatite, mesoterapia e criolipolisi, subcision guidata. A seconda del tipo di cellulite e della causa primaria, il medico estetico sceglierà quello più adatto e più efficace.

Ma cos’è la cellulite, e quali sono le cause?

Il nome scientifico è Panniculopatia Edemato Fibro Sclerotica (PEFS). La cellulite è un inestetismo che coinvolge il pannicolo adiposo sottocutaneo e le fibre del tessuto connettivo.

Le fibre connettive, cosiddetti “tralci”, attraversano il tessuto adiposo e tengono ancorata la pelle ai muscoli. Nella donna i “tralci” sono disposti in posizione perpendicolare alla superficie cutanea, mentre negli uomini sono posizionati a 45°. Questo è il motivo principale per il quale gli inestetismi della cellulite sono più visibili nelle donne rispetto agli uomini.

La situazione che si viene a creare è infatti la seguente: le cellule del tessuto adiposo vanno incontro ad alterazioni e si gonfiano fino a scoppiare e riversare il grasso nel tessuto circostante; questo accumulo di grasso si comprime tra un tralcio e il successivo, che al contempo tirano la pelle verso il basso: i punti di ancoraggio diventano visibili formando dei “buchini”, e la pelle assume il fastidioso aspetto “a buccia d’arancia” o “a materasso”.
Se i tralci non sono perpendicolari alla cute, come accade per gli uomini, questo effetto è praticamente invisibile: per questo la cellulite è un inestetismo prevalentemente femminile.

Oltre che per accumulo di grasso, lo stesso effetto si può avere per accumulo di liquidi (la cosiddetta “ritenzione idrica”) e per il cedimento della pelle in alcuni punti.
Il medico estetico, una volta esaminate il tessuto cutaneo e valutato le caratteristiche ella cellulite, sarà in grado di stabilire il protocollo di trattamento più efficace.

I trattamenti più efficaci in base al tipo di cellulite

Se la causa primaria della cellulite è la ritenzione idrica, quello che si cercherà di fare è drenare i tessuti per eliminare l’eccesso di liquido accumulato nel tessuto.
Il trattamento più utilizzato in questo caso è la radiofrequenza abbinata a gel drenanti: attraverso il calore delle onde elettromagnetiche ad alta frequenza si facilita innanzitutto la penetrazione delle sostanze drenanti, e al contempo si rinforzano i vasi sanguigni e linfatici migliorando la circolazione.

Se invece ci troviamo in una situazione di rilassamento cutaneo, quindi perdita di tonicità e compattezza della pelle, il trattamento più efficace è considerato quello a base di ultrasuoni focalizzati ad alta intensità.
Gli ultrasuoni stimolano la produzione di nuovo collagene, la proteina che dà sostegno all’epidermide. In questo modo il tessuto si rassoda, e l’effetto “buccia d’arancia” si attenua gradualmente. Agli ultrasuoni può essere abbinato un trattamento di microiniezioni a base di idrossiapatite di calcio, per ottenere una biostimolazione che migliora ulteriormente la compattezza della pelle.

Se invece l’effetto “materasso” è dovuto principalmente ad un accumulo di grasso, i trattamenti più indicati sono la criolipolisi o la mesoterapia.
I cuscinetti si formano principalmente su fianchi e cosce, e si possono trattare con microiniezioni di sostanze ad azione lipolitica. Tali sostanze sciolgono i grassi, che verranno poi smaltiti dall’organismo.
Se gli accumuli di grasso sono più consistenti, si rivela invece più utile la criolipolisi, che attraverso un raffreddamento controllato elimina le cellule adipose in eccesso.

Trattamento a lungo termine della cellulite: il metodo Cellfina®

Il trattamento Cellfina® è attualmente l’unico protocollo medico approvato dall’FDA per il miglioramento a lungo termine dell’aspetto estetico della cellulite. Esso agisce sui tralci di tessuto fibroso, che sono i responsabili dell’effetto “buccia d’arancia” o “materasso”.

Utilizzando il metodo della subcision guidata, Cellfina® va a recidere in in maniera precisa e controllata i setti fibrosi, portando ad una distensione della pelle ed al conseguente miglioramento dell’inestetismo.

Cellfina® System è un apparecchio composto da due piattaforme con guide speciali. La prima crea un vuoto (vacuum), solleva la pelle e diffonde un anestetico locale con un piccolissimo ago. La seconda, una volta che l’anestetico ha fatto effetto, utilizza un microbisturi per eseguire la recisione guidata del tralci fibrosi retraenti.

La pelle si distende, ed appare più liscia e uniforme già nei giorni immediatamente successivi al trattamento, ma i risultati migliorano gradualmente nei sei mesi successivi.

Cellfina® Treatment si esegue in una sola seduta, non è invasivo né doloroso. I risultati sono ancora apprezzabili a distanza di tre anni.